Un incontro con Glance Collection

E’ stato molto carino ricevere in Atelier delle persone così simpatiche e curiose. La redazione di Glance Collection 2018 – una pubblicazione annuale dal taglio internazionale rivolta al turismo d’elite sul lago di Garda e dintorni – mi è venuta a trovare in Atelier. Ne è nato un articolo – che potete vedere interamente nella mia Area Stampa – uscito su questa prestigiosa rivista.

Grazie di cuore allo staff di Glance, vi aspetto per altre visite qui in Via Tortona!

Torna su

Milano Design Week 2018

Dal 18 al 22 Aprile il design di Mikky Eger è in mostra alle 5Vie

Quest’anno per la settimana del Design lascio la mia amata Via Tortona per esporre in Via Santa Marta, nel cuore del quartiere degli antichi mestieri milanesi. Potrete vedere le mie creazioni e alcune novità che presto potrete acquistare anche qui nel mio Shop on-line. Passate a trovarmi e… good design!

Torna su

L’Orafo Italiano gennaio-febbraio 2018

Cari amici, vi segnalo un mio gioiello comparso sul primo numero di quest’anno della rivista l’Orafo Italiano.

Grazie alla redazione e in particolare ad Antonella Garello per essere venuta a trovare me e gli altri 9 designer orafi in Atelier durante i “2 giorni preziosi” di fine Novembre.

A questo link potete sfogliare tutto il numero 01-02-2018…  Buona lettura!

Torna su

HOMI gennaio 2018 – Il salone degli stili di vita

Dal 26 al 29 gennaio Mikky Eger Jewellery Art è ospite di Homi alla Fiera di Rho-Milano in due spazi espositivi: nel suo stand (A07) nel PADIGLIONE 1, e insieme ad altri orafi-designer selezionati da Alba Cappellieri, nello spazio per l’anteprima di una mostra sul gioiello contemporaneo con al centro il tema della Natura. Non mancate!

Torna su

2 giorni preziosi nel Salotto del Gioiello

Sabato 25 e domenica 26 novembre 2017 in Via Tortona 26

Dieci jewel designers intrecciano stili paralleli e contrari in una mostra mercato che dà vita a un evento poliedrico dove il tres d’union è dato dalla comune passione e dedizione verso l’arte del gioiello contemporaneo nei vari ambiti di ricerca, progettazione e realizzazione. La capacità emozionale racchiusa in ogni creazione rappresenta la chiave di volta mediante la quale il jewel designer marchia con il suo mood la propria linea creativa. Dai colori armoniosi e caldi specchio di una natura incontrastata di Sheila Cunha Ornaments alla precisione del dettaglio merito di una longeva tradizione familiare di Luigi Sala Gioielli. Con le opere orafe di Maria Luisa Palazzo si entra in un sogno fatto di giochi di luce e micro-sculture che si contrappone al rispetto delle forme di Limodoro. La creatività multiforme di Mikki Eger incontra il rigore disciplinare di Daniela Repetto. Le dimensioni contaminate delle opere di Frammenti Design si intrecciano con le nuove identità preziose e naturali plasmate da Antonella Ferrara. I gioielli d’affezione interpretati da STELLA G. si confrontano con la percezione del mondo del lusso in un’ottica ecosostenibile propria dei monili di minrl handcrafts. Ciascun pezzo racconta una storia fatta di immagini, ricordi, musiche e colori. È la personalizzazione di ogni gioiello a racchiuderne il suo più intimo segreto.

ufficio stampa: monica mazzanti PR – pr@monicamazzanti.com

Torna su

Mikky Eger a INHORGENTA MUNICH 2017

PER LA PRIMA VOLTA L’ORAFA TEDESCA PARTECIPERA’ ALLA FIERA INTERNAZIONALE DEL GIOIELLO DI MONACO.

Stimolante e innovativa: si preannuncia così la fiera tedesca di gioielleria e orologeria Inhorgenta, in programma a Monaco di Baviera dal 18 al 21 febbraio. Dopo il successo del 2016, l’edizione di quest’anno vanta circa il 15% di prenotazioni in più con 940 espositori provenienti da 33 paesi e circa 26.000 visitatori specializzati previsti.

Inhorgenta si pone come la fiera internazionale leader per il mercato di gioielli, orologi e pietre preziose: essa vanta la presenza anno dopo anno delle più rinomate marche del mondo, ed è conosciuta altresì per la sua costante attenzione alle novità, mirando così a diventare il punto di riferimento per la presentazione delle nuove tendenze.
Tra le novità del 2017, l’organizzazione presenta il nuovo Inhorgenta Awards, che premierà prodotti e servizi della gioielleria e orologeria in sei diverse categorie: Fine Jewelry—Brand of the Year, Fashion Jewelry— Brand of the Year, Designer of the Year, Watch Design of the Year, Retailer of the Year e Best Piece of Jewelry.

Con grande piacere quest’anno, per la prima volta, anche Mikky Eger prenderà parte alla fiera, testimoniando la costante voglia di presentare i propri gioielli ad un pubblico sempre più ampio, portando i propri lavori nei luoghi di maggior tendenza per il gioiello contemporaneo.

 

Torna su

La designer orafa Mikky Eger a fianco dell’associazione onlus Il Nodo

UN NATALE ALL’INSEGNA DELLA BENEFICIENZA E DELLA SOLIDARIETA’ PER LA DESIGNER ORAFA MIKKY EGER, che durante le festività ha dato un attivo e prezioso contributo all’associazione onlus Il Nodo.

Il Nodo opera in Cambogia per aiutare i giovani del Paese a lasciarsi alle spalle povertà e ignoranza, mantenendo la ricchezza della propria cultura; prostituzione, violenza, criminalità sono molto diffusi in questa zona. Il principale obiettivo dell’associazione è promuovere la formazione mettendo in pratica valori come il rispetto di tutti gli individui, l’impegno a conquistare per sé e per la propria famiglia una migliore qualità della vita attraverso il lavoro e l’istruzione.

Diversi i progetti dell’associazione, tra cui l’apporto di filtri per l’acqua potabile, il sostegno a distanza dei minori in età scolare che abitano in villaggi isolati e poverissimi, il sostentamento sanitario dei bambini delle donne in prigione, l’aiuto dei bambini in orfanotrofio anche dopo la loro uscita e l’offerta di assistenza sanitaria e di medicinali. Nelle tre settimane di permanenza in Cambogia, Mikky Eger è stata una delle insegnanti del progetto La Bottega dell’Arte, cioè una scuola di design sociale dove 25 giovani sono stati coinvolti nella lavorazione dell’argento.

Articolo di  Valentina Ronchi  (http://www.orologioblog.net/27290/la-designer-orafa-mikky-eger-a-fianco-dellassociazione-onlus-il-nodo)

Torna su

Shadows 2016: #successone!

SHADOWS 2016: SINERGIA ARTISTICA TRA L’ARTE DEL GIOIELLO E IL DESIGN… #CHE SUCCESSO!!

E’ proprio il caso di dire, per allinearsi alla comunicazione del momento, “#successone” per SHADOWS2016, la seconda edizione di progetto che vede protagonisti il gioiello, in tutta la
sua bellezza, e il design puro degli allestimenti in un gioco tra luci e ombre.
Un’ampia, continua e ben variegata lista di partecipanti tra appassionati e professionisti del settore che hanno potuto ammirare un evento davvero molto suggestivo nella settimana più
creativa della città Milanese, la Design Week.
Il mix vincente è stato mantenere saldi la “squadra” dell’edizione 2015 e la location ospite dell’evento, Spazio Tortona 26 in Via Tortona 26, con l’aggiunta tra gli orafi di new entry
dalle più diverse e creative abilità che hanno potuto offrire una selezione di opere della migliore gioielleria e oreficeria artigianale, dove i gioielli erano testimoni di espressività
distinte e parte integrante dell’insieme espositivo.
Nel gruppo degli orafi dell’edizione 2015 Mikky Eger con i suoi gioielli in argento e pietre ricercate che sono espressione pura dei sogni ed emozioni ricavate dalle esperienze della
vita; l’amore per l’unicità e l’arte del gioiello vivono nelle creazioni in oro, argento e gemme preziose di Luigisalagioielli; i monili di Antonella Ferrara dove la materia plasmata coglie
emozioni per trasmetterle.
E ancora i gioielli vivi delle vibrazioni di chi li ha creati per Alessandro Averla; pillole di emozioni nelle microsculture in metalli e pietre preziose per Maria Luisa Palazzo. Ma non
finisce qui: Daniela Repetto propone gioielli in pietre accostate a smalti a fuoco caratterizzati da linee morbide e scultoree; emozioni preziose da indossare per le creazioni
in oro e argento, pietre semipreziose e perle di Sheila Cunha; Andrea Lazzerini firma dei gioielli dallo stile unico e inconfondibile, tra contrasti fra lucido ed opaco e nuove
cromaticità del metallo e delle gemme; trasformare l’idea in materia per creare monili nuovi  e essenziali è invece l’anima di LIMODORO.
Tra le new entry, Lorenzo Pepe che s’ispira al mare e ai suoi esseri viventi, Marinella Inzirillo per la quale il gioiello non è solo pura esibizione di materiali preziosi, ma creazione densa di riferimenti culturali; Haruko Ito che con le proprie creazioni vuole far provare una sensazione speciale che chiama “un momento eterno tra qui e altrove”; Francesca Mazzotta che con i suoi gioielli rappresenta la visione tra il forte legame con gli elementi della terra in cui vive e l’oggetto, tra la visione della donna, la sua magia e il gioiello.

Ma non finisce qui… ultimi ma non meno importanti, i disegni delicati e le forme organiche ispirati al mondo della natura per Caterina Galvano, i gioielli contemporanei di Simona
Materi, unici nel loro genere, che diventano opere d’arte da indossare e i monili d’affezione di Stella Gnesutta che crea gioielli insoliti da indossare nella vita quotidiana in tanti modi
diversi. Oltre ai singoli orafi quest’anno ci sarà la presenza anche di una Galleria e di una Scuola orafa; rispettivamente la Galleria Rossini – con gli artisti Luce Delhove, Anna Maria Grandi, Marco Malanchin, Marco Picciali, Marco Rossini, Luciana Satta, Paola Tomasini, Vanesi – che nel suo punto espositivo di Milano presenta la realtà attuale del gioiello contemporaneo con una selezione di più di 30 autori tra orafi, scultori e designer selezionati e la Scuola Orafa Ambrosiana gestita da due gemelli, Luca e Guido, che propone un’ampio ventaglio di insegnamenti che vanno dalla realizzazione del gioiello in metallo prezioso, al design d’avanguardia, dalla modellazione della cera, all’incisione e così via su un orizzonte di ventitre specialità diverse ed entusiasmanti, con due sedi a Milano e una a Tokyo.
Plano, curatore dell’allestimento, presenterà le novità 2016: Controluce e Vetroscatola, scatole luminose e trasparenti i cui contenuti, per l’occasione, verranno dal mondo del
gioiello e della stampa 3d; un classico della collezione Plano, il contenitore Qbmobili, sarà utilizzato per realizzare le teche dell’esposizione. I materiali stampati in 3d verranno
realizzati dall’Architectural Maker Lab, un laboratorio di ricerca per l’architettura all’interno del Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Pavia.
Tutto l’evento vede come sponsor tecnico, Ferrari Servizi Assicurativi, che da più di 50 anni offre servizio di assicurazione nel campo gioielleria, oreficeria, commercio pietre preziose, case d’asta, mercanti d’asta e trasporti di valori.
Il risultato positivo di questa edizione mette le basi per pensare di continuare con questo progetto anche nel 2017 più carichi che mai!

Torna su

Fuorisalone 2016: “Shadows – wood and jewellery” nello spazio Tortona 26

SHADOWS 2016: SINERGIA ARTISTICA TRA L’ARTE DEL GIOIELLO E IL DESIGN

Dopo il grande successo dell’anno scorso, torna anche quest’anno il progetto che vede protagonisti il gioiello, in tutta la sua bellezza, e il design puro degli allestimenti in un gioco tra luci e ombre: SHADOWS 2016.
Nel 2015 la mostra proponeva gioielli illuminati da led installati in panelli di legno, che creavano un gioco di ombre e luci che andavano a risaltare la vera essenza del gioiello, cioè
la sua forma, e la superficie dei materiali dell’allestimento, per una performance davvero suggestiva tra arte e design!
Come tutti sanno “squadra vincente non si cambia” e infatti Shadows2016 mantiene saldi i seguenti punti fondamentali: la location ospite dell’evento, Spazio Tortona 26 in Via Tortona
26 – un moderno Loft situato nel cuore pulsante della via, spazioso, accogliente, punto di riferimento per i trend setter e luogo ideale per tutti gli eventi del mondo moda e design –
aperta per l’occasione tutta la settimana della Design Week dal 12 al 17 aprile dalle 10.00 alle 19.00, l’allestimento curato da Plano e la sinergia artistica tra il gioiello, come migliore
arte orafa Italiana ed estera e il design.
Anche il gruppo degli orafi è lo stesso dell’anno scorso: Mikky Eger con i suoi gioielli in argento e pietre ricercate che sono espressione pura dei sogni ed emozioni ricavate dalle
esperienze della vita; l’amore per l’unicità e l’arte del gioiello vivono nelle creazioni in oro, argento e gemme preziose di Luigisalagioielli; i monili di Antonella Ferrara dove la materia
plasmata coglie emozioni per trasmetterle.
E ancora i gioielli vivi delle vibrazioni di chi li ha creati per Alessandro Averla; pillole di emozioni nelle microsculture in metalli e pietre preziose per Maria Luisa Palazzo. Ma non
finisce qui: Daniela Repetto propone gioielli in pietre accostate a smalti a fuoco caratterizzati da linee morbide e scultoree; emozioni preziose da indossare per le creazioni
in oro e argento, pietre semipreziose e perle di Sheila Cunha; Andrea Lazzerini firma dei gioielli dallo stile unico e inconfondibile, tra contrasti fra lucido ed opaco e nuove
cromaticità del metallo e delle gemme; trasformare l’idea in materia per creare monili nuovi e essenziali è invece l’anima di LIMODORO.
Quest’anno però avremo delle new entry dalle più diverse e creative abilità; Lorenzo Pepe che s’ispira al mare e ai suoi esseri viventi, Marinella Inzirillo per la quale il gioiello non è
solo pura esibizione di materiali preziosi, ma creazione densa di riferimenti culturali; Haruko Ito che con le proprie creazioni vuole far provare una sensazione speciale che chiama “un
momento eterno tra qui e altrove”; Francesca Mazzotta che con i suoi gioielli rappresenta la visione tra il forte legame con gli elementi della terra in cui vive e l’oggetto, tra la visione
della donna, la sua magia e il gioiello.

Ma non finisce qui… ultimi ma non meno importanti, i disegni delicati e le forme organiche ispirati al mondo della natura per Caterina Galvano, i gioielli contemporanei di Simona Materi, unici nel loro genere, che diventano opere d’arte da indossare e i monili d’affezione di Stella Gnesutta che crea gioielli insoliti da indossare nella vita quotidiana in tanti modi diversi.
Insomma… una selezione di opere della migliore gioielleria e oreficeria artigianale, dove i gioielli saranno testimoni di espressività distinte e parte integrante dell’insieme espositivo.
Oltre ai singoli orafi quest’anno ci sarà la presenza anche di una Galleria e di una Scuola orafa; rispettivamente la Galleria Rossini – con gli artisti Luce Delhove, Anna Maria Grandi,
Marco Malanchin, Marco Picciali, Marco Rossini, Luciana Satta, Paola Tomasini, Vanesi – che nel suo punto espositivo di Milano presenta la realtà attuale del gioiello contemporaneo
con una selezione di più di 30 autori tra orafi, scultori e designer selezionati e la Scuola Orafa Ambrosiana gestita da due gemelli, Luca e Guido, che propone un’ampio ventaglio di
insegnamenti che vanno dalla realizzazione del gioiello in metallo prezioso, al design d’avanguardia, dalla modellazione della cera, all’incisione e così via su un orizzonte di
ventitre specialità diverse ed entusiasmanti, con due sedi a Milano e una a Tokyo.

Plano, curatore dell’allestimento, presenterà le novità 2016: Controluce e Vetroscatola, scatole luminose e trasparenti i cui contenuti, per l’occasione, verranno dal mondo del
gioiello e della stampa 3d; un classico della collezione Plano, il contenitore Qbmobili, sarà utilizzato per realizzare le teche dell’esposizione. I materiali stampati in 3d verranno
realizzati dall’Architectural Maker Lab, un laboratorio di ricerca per l’architettura all’interno del Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Pavia.

Tutto l’evento vede come sponsor tecnico, Ferrari Servizi Assicurativi, che da più di 50 anni offre servizio di assicurazione nel campo gioielleria, oreficeria, commercio pietre preziose,
case d’asta, mercanti d’asta e trasporti di valori.

 

Torna su